Tassa unica per la casa: la nuova IMU che incamera la TASI

Tassa unica per la casa: la nuova IMU che incamera la TASI 


Un emendamento sulla Legge di Bilancio propone di eliminare la TASI, accorpandola in una nuova IMU ad aliquote invariate.

Con l’accorpamento di IMU e TASI si andrebbe verso una semplificazione delle imposte sulla casa, che andrebbe così ad eliminare la sovrapposizione di due diverse imposte sugli immobili (IMU e TASI) e permetterebbe quindi la predisposizione di bollettini precompilati: l’obiettivo della nuova IMU sarebbe infatti quello di rendere strutturale un aumento della tassa sulla “seconda casa”.

Le aliquote, di fatto, dovrebbero restare invariate, per cui la nuova IMU potrebbe arrivare al massimo all’11,4%; il tetto per la prima casa invece resterebbe allo 0,4%, elevabile fino allo 0,6% da parte dei Comuni.

Sarebbe poi discrezione degli enti locali decidere se far pagare l’imposta anche sull’abitazione principale: attualmente la legge prevede che sulla prima casa non sia dovuta l’imposta sugli immobili, con l’unica eccezione delle abitazioni di lusso. Non è ancora chiaro però se l’emendamento lasci ai Comuni decidere se applicare la tassa anche alle prime case non di lusso.

E’ poi prevista una fase di transizione, per cui nel primo semestre del 2019 si pagherebbe in base alla somma delle aliquote IMU e TASI previste per il 2018.


Attualmente, la legge prevede che si paghino l’IMU (imposta sugli immobili) e la TASI (tassa sui servizi indivisibili dei Comuni).

Sulla prima casa si paga solo la TASI (abolita per le abitazioni principali a meno che non appartengano alle categorie di lusso A1, A8 e A9). Per queste ultime la somma di IMU e TASI può raggiungere il 6,8%, mentre per gli altri immobili il tetto è l’11,4% (ci sono poi casi particolari, come i fabbricati rurali, con aliquote diverse).


Sottolineiamo che si tratta ancora di un emendamento dichiarato ammissibile ma non ancora discusso in commissione, pertanto non è da intendersi una modifica già decisa dalla norma.

Ai Comuni, infatti, da come è formulato l’emendamento, sembra lasciata la possibilità di portare l’aliquota fino all’11,4% (oggi il tetto è al 10,6%, a cui si può aggiungere lo 0,8% solo in alcuni casi).

Resterebbe confermata l’esenzione per le prime case, con l’eccezione delle abitazioni di lusso (categorie catastali A1, A8 e A9). 

Anche il calcolo dell’imposta non cambierebbe: l’imponibile sarebbe sempre dato dalla rendita catastale rivalutata del 5% a cui si applica il coefficiente per tipologia catastale; l’imposta si calcolerebbe in base all’aliquota del Comune.


Maggiorazioni

Il nuovo meccanismo accorpa le due imposte, IMU e TASI, evitando così di sommare le due imposte, che in ogni Comune hanno aliquote e casistiche molto differenziate. 

In questo modo dovrebbe consentire ai Comuni di predisporre dei bollettini precompilati, sulla stregua della tariffa sui rifiuti.

Mentre l’aliquota base per le prime case di lusso rimane allo 0,4%, con la discrezionalità da parte delle amministrazioni comunali di alzarla di un ulteriore 0,2% (tetto massimo 0,6%, come ora), diminuirla o azzerarla, per gli immobili diversi dalla prima casa l’aliquota base resta allo 0,76%, ma i Comuni possono alzarla fino all’1,14%. 

Qui risiede il potenziale svantaggio rispetto all’attuale normativa, che prevede la stessa aliquota base, con un possibile aumento fino all’10,6%.


Penalizzazioni?

Si tratta della maggiorazione dello 0,8%, istituita nel 2014 e poi sempre prorogata (con tutta una serie di regole complesse di ripartizione fra IMU e TASI). 

Questa maggiorazione attualmente può essere applicata solo dai Comuni che fin dall’inizio l’hanno utilizzata, mentre la nuova formulazione della legge sembrerebbe dare a tutte le amministrazioni comunali la possibilità di portare l’IMU a quota 11,4%.

Bisogna capire se si tratta di un errore di formulazione, che quindi potrebbe essere corretto in fase di approvazione, oppure della volontà di applicare la maggiorazione a tutti i Comuni, indipendentemente dalle scelte effettuate negli anni scorsi.

Sottolineiamo che stiamo parlando di un emendamento ancora non approvato, che può quindi essere modificato oppure bocciato.


Aliquote

Ci sarebbero poi una serie di limiti posti ai Comuni in sede di deliberazione delle aliquote, che invece introducono maggiori rigidità rispetto all’attuale situazione. 

Questo potrebbe rappresentare una complicazione per gli enti locali, in sede di deliberazione delle nuove aliquote (perché li costringerebbe ad apportare modifiche ai regolamenti), mentre sarebbe una semplificazione per il contribuente (che attualmente deve spesso fare i conti con regole complicate dalla variabile di casistiche previste).

In base all’emendamento, il Comune può differenziare l’aliquota dello 0,76% in base ai seguenti parametri:

-  fabbricati ad uso residenziale diversi dall’abitazione principale

-  fabbricati a disposizione, non locati da almeno due anni

-  fabbricati locati a titolo di abitazione principale

-  fabbricati concessi in comodato a parenti in linea retta o collaterale oppure ad affini, stabilendo il grado di parentela

-  fabbricati industriali

-  fabbricati commerciali

-  immobili appartenenti al gruppo catastale D, anche differenziando tra le diverse categorie

-  fabbricati appartenenti al gruppo catastale B

-  fabbricati appartenenti alla categoria catastale C3

-  fabbricati ad uso commerciale con particolari caratteristiche tipiche dei centri storici, da determinarsi nel regolamento del tributo.

C’è infine una regola fissa per gli affitti a canone concordato, che prevedrebbe una riduzione del 75% rispetto all’aliquota stabilita dalla delibera comunale.

E sarebbero esenti dall’imposta municipale anche i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintantoché permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati.


Pagamenti

Un’altra semplificazione è rappresentata dal fatto che, a decorrere dal 2019, i Comuni dovrebbero rendere disponibili i modelli di pagamento precompilati.

Le scadenze per i versamenti resterebbero le stesse: acconto entro il 16 giugno, saldo entro il 16 dicembre. La rata di giugno si pagherebbe in base all’aliquota dell’anno precedente, in dicembre si effettuerebbe il conguaglio (come adesso).

In sede di prima applicazione (quindi nel 2019), la prima rata sarebbe calcolata sulla base delle regole IMU e TASI 2018.

Privacy policy

Privacy Policy del sito www.paolincostruzioni.it

Gentile Visitatore, a seguito della consultazione di questo sito web possono essere trattati dati relativi a persone fisiche identificate o identificabili.

In riferimento a tale trattamento di dati si rendono, anche ai sensi dell'art. 13 del Regolamento generale europeo sulla protezione dei dati (Regolamento UE 2016/679), le seguenti informazioni, la cui validità non è estesa per eventuali altri siti web esterni consultati dall'utente tramite link presenti su questo sito.

Con la prosecuzione della navigazione, e con l’adesione alle proposte di servizio contenute nelle varie parti del sito (iscrizione alla nostra newsletter, compilazione di form per richiedere informazioni, ecc.), si danno per acquisite queste informazioni generali sul trattamento, nonché le eventuali specifiche informazioni legate a trattamenti per finalità diverse e specifiche, e l’utente esplicita il relativo consenso ai trattamenti. Si sottolinea che il consenso è valido unicamente se proviene da persona maggiorenne o da minore che abbia compiuto i 14 anni.

TITOLARE DEL TRATTAMENTO

PAOLIN SRL con sede in Bassano del Grappa (VI) Via Madonna di Fatima n. 10 (Italia), P.IVA 03655040248 tel. 0424/566754 fax 0424/569245 mail: info@paolincostruzioni.it.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet.

Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.

In questa categoria di dati rientrano, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer o degli altri strumenti utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente.

Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione.

Cookies

Il sito web “www.paolincostruzioni.it” dell’impresa PAOLIN SRL (il “Sito”) utilizza i cookies per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Gli utenti che accedono al Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer o periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookies” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’utente. Vi sono vari tipi di cookies, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Cookie tecnici

Il Sito utilizza cookies “tecnici”, quali i cookies di navigazione o sessione, quelli di funzionalità e quelli analitici, realizzati ed utilizzati dal gestore del Sito.

Specificatamente, vengono utilizzati cookies di navigazione o sessione, diretti a garantire la normale navigazione e fruizione del sito web, e quindi finalizzati a rendere funzionale ed ottimizzare la stessa navigazione all’interno del sito.

Cookies analitici

Sono presenti anche cookies analytics, utilizzati e realizzati esclusivamente dal solo gestore del Sito, per raccogliere informazioni, in forma aggregata ed anonima, sul numero degli utenti e su come gli utenti visitano il sito.

I dati acquisiti tramite Google analytics potranno essere utilizzati anche da Google, secondo i termini di servizio predisposti dallo stesso.

Cookies di parti terze

Cookies di analisi di servizi di terze parti (Google)

Questi cookies sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookies sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookies integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i softwares per generare le mappe e ulteriori softwares che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookies sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Link ad altri siti

Alcune pagine del Sito possono contenere link ad altri siti web che non sono gestiti dal gestore del Sito che non condivide i dati personali con tali siti.

Il gestore del Sito non è responsabile per il contenuto, la sicurezza o le misure di privacy impiegate da altri siti e declina espressamente tutte le responsabilità.

Dati forniti volontariamente dall'utente

L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi vengono inoltre riportate o visualizzate nelle sezioni del sito predisposte per particolari servizi a richiesta e sottoposte, se del caso, al consenso dell’interessato (ad esempio per l’iscrizione alla newsletter).

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO E FACOLTATIVITA' DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione e per i cookies tecnici, l'utente è libero di fornire i propri dati personali attraverso l’utilizzo di appositi form o moduli presenti nel sito per richiedere l'invio della newsletter, di materiale informativo o di altre comunicazioni e, più in generale, per le finalità riportate nelle relative e specifiche informative. Il loro mancato conferimento può comportare l'impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA' DEL TRATTAMENTO

La nostra Società, quale titolare del trattamento, e ciascuno degli eventuali Responsabili esterni come sopra identificati, gestirà ed archivierà con strumenti automatizzati e/o cartacei i dati personali raccolti attraverso l’utilizzo del sito e delle sue diverse funzionalità attivabili a richiesta dell’utente, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti o volontariamente comunicati dall’utente.

Specifiche misure di sicurezza, come prevede l’art. 32 del Regolamento (UE) 2016/679, sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

I dati vengono gestiti solo da personale autorizzato dal titolare del trattamento.

In nessun caso i dati saranno oggetto di diffusione.

Sui predetti dati non è prevista attività di profilazione personale dell’utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Ai soggetti cui si riferiscono i dati personali trattati sono garantiti tutti i diritti di cui agli articoli 15, 16, 17, 18 del Regolamento 679 (accesso con conferma dell'esistenza o meno del trattamento dei propri dati; rettifica, cancellazione e limitazione del trattamento quando ne ricorrano i casi).

L’utente interessato ha il diritto di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

Le richieste vanno rivolte:

- via e-mail, all'indirizzo: info@paolincostruzioni.it

- oppure via posta a PAOLIN SRL – Via Madonna di Fatima n. 10 – 36061 Bassano del Grappa (VI).