Decreto "sblocca-cantieri" convertito in legge

Le norme in materia edilizia del decreto "sblocca-cantieri" definitivamente convertito in legge


L'art. 5 del decreto legge 32/2019, che si occupa di materia edilizia, con la conversione disposta dalla legge n. 55 del 14 giugno 2019 inserisce due nuovi commi (1-bis e 1-ter) nell'art. 2-bis del d.P.R. 380/2001 (Testo unico dell'edilizia), consentendo alle Regioni di prevedere disposizioni derogatorie, in materia di distanze, al DM 1444/1968.


1) Limiti di distanza, altezza e densità edilizia

Il nuovo comma 1-bis stabilisce che le disposizioni regionali “sono finalizzate ad orientare i comuni nella definizione di limiti di densità edilizia, altezza e distanza negli ambiti urbani consolidati del proprio territorio”.

La norma, seppure positiva, lascia però aperto il problema delle densità edilizie, altezze e distanze fra edifici creato dal DM 1444/68 e la cui soluzione è di grande importanza per gli interventi di rigenerazione e, più in generale, per quelli sull’edificato.


2) Demolizione e ricostruzione

Il comma 1-ter precisa che “In ogni caso di intervento di demolizione e ricostruzione, quest'ultima è comunque consentita nel rispetto delle distanze legittimamente preesistenti purché sia effettuata assicurando la coincidenza dell'area di sedime e del volume dell'edificio ricostruito con quello demolito, nei limiti dell'altezza massima di quest'ultimo”.

Tale disposizione, recependo un orientamento della giurisprudenza amministrativa (Consiglio di Stato, Sez. IV, 14 settembre 2017, n. 4337) garantisce il mantenimento della distanza preesistente tra gli edifici, solo nel caso di demolizione e ricostruzione nella medesima area di sedime, con stesso volume, nel rispetto dell’altezza massima dell’edificio preesistente.

Le condizioni richieste dalla norma statale per il mantenimento delle distanze preesistenti appaiono incompatibili con quanto sancito dall’art. 10, comma 1, lett. b), della legge regionale del Veneto n. 14/2009 (c.d. “Piano casa”), che l’art. 19 della medesima legge ha sottratto all’abrogazione delle restanti disposizioni del “Piano casa”.

Infatti, l’art. 10, comma 1, lett. b), della L.R. n. 14/2009 stabilisce che “gli interventi di ristrutturazione edilizia con ampliamento di cui all’articolo 10, comma 1, lettera c), del DPR n. 380/2001, qualora realizzati mediante integrale demolizione e ricostruzione dell’edificio esistente, per la parte in cui mantengono i volumi esistenti sono considerati, ai fini delle prescrizioni in materia di indici di edificabilità e di ogni ulteriore parametro di carattere quantitativo, ristrutturazione edilizia, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lettera d), del DPR n. 380/2001 e non nuova costruzione, mentre è considerata nuova costruzione la sola parte relativa all’ampliamento che rimane soggetta alle normative previste per tale fattispecie”.

Tutte le circolari riguardanti la normativa del “vecchio” Piano casa (la n. 4/2009, la n. 1/2011 e la n. 1/2014), nel commentare la norma sopra riprodotta ne hanno identificato la portata nel riconoscimento, alla parte di edificio demolita e ricostruita con lo stesso volume, del “privilegio” di mantenere gli originari parametri edilizi, prima tra tutti la distanza preesistente, assoggettando la sola parte dell’edificio ricostruito in ampliamento alle eventualmente più restrittive disposizioni pianificatorie sopravvenute.

La scomposizione dell’intervento di ricostruzione in:

a) ristrutturazione, per la parte coincidente con il volume dell’edificio demolito e

b) nuova costruzione, per la parte eccedente detto volume, consentendo alla prima delle due “parti” di conservare la distanza del fabbricato originario, ancorché inferiore a quella prescritta dalle norme urbanistiche sopravvenute all’edificazione iniziale, si pone in antitesi con la nuova disposizione statale, che invece consente di mantenere le distanze preesistenti nel solo caso in cui l’edificio risultante dalla ricostruzione coincida, per volume ed area di sedime, con quello demolito (quindi senza l’ampliamento di cui parla la norma regionale e che esclusivamente assoggetta alla sopravvenute norme sulle distanze).


3) Limiti di distanza tra edifici separati da strade carrabili

La legge di conversione 55/2019 nell’art. 5, comma 1, del D.L. 32/2019 ha introdotto la lett. b-bis, finalizzata a risolvere la problematica dei limiti di distanza da rispettare in caso di demolizione e ricostruzione di fabbricati fra i quali intercorrono strade carrabili.

La nuova disposizione stabilisce che “le disposizioni di cui all'articolo 9, commi secondo e terzo, del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, si interpretano nel senso che i limiti di distanza tra i fabbricati ivi previsti si considerano riferiti esclusivamente alle zone di cui al primo comma, numero 3), dello stesso articolo 9”.

Considerata la riportata formulazione letterale, si è in presenza di una norma di interpretazione autentica (“si interpretano”) applicabile non solo ai rapporti futuri, ma anche a quelli preesistenti ed ancora pendenti.

La norma chiarisce che i commi 2 e 3 dell’art. 9 del DM 1444/1968 (che prevedono, rispetto al limite generale di 10 metri fra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti, maggiorazioni delle distanze fra edifici qualora fra essi intercorrano strade destinate al traffico dei veicoli) si applicano esclusivamente nelle zone omogenee C (espansione) e non anche alle altre zone omogenee, prime fra tutte le zone B, cioè quelle totalmente o parzialmente edificate.


4) Edifici condominiali degradati

Per fronteggiare l’inerzia dei proprietari degli immobili in stato di degrado, la legge di conversione 55/2019 ha inserito l’art. 5-sexies nel D.L. 32/2019 (Disposizioni urgenti per gli edifici condominiali degradati o ubicati in aree degradate).

In questo modo viene attribuita al Sindaco, previa adozione di un’ordinanza che dichiari lo stato di degrado di un edificio condominiale, la facoltà di richiedere al Presidente del Tribunale competente per il luogo nel quale è situato l’immobile, la nomina di un amministratore giudiziario che dovrà curare l’eliminazione della situazione di degrado sostituendosi all’assemblea condominiale

L’ordinanza sarà assunta dal Sindaco in base al D.Lgs. 267/2000 (Testo Unico degli enti locali) ed ai sensi del decreto legge n.14/2017 sulla sicurezza delle città (che però non contiene specifiche norme volte ad individuare il degrado edilizio e urbanistico) e comunque potrà essere oggetto di impugnativa, in quanto atto amministrativo, nella forma del ricorso al TAR.

Va evidenziato che, indipendentemente dalla nuova disposizione in commento, il Sindaco poteva agire con ordinanza nei confronti di situazioni di degrado e/o disagio, comunque in grado di generare situazioni di pericolo per l’incolumità e la sicurezza pubblica, con spese eventualmente anticipate dal Comune e poi rimborsate dalla proprietà/dai proprietari.

Di sicuro l’art. 5 sexies rende ancora più incisivo il ruolo del Sindaco, che una volta ricevuta ed accertata la segnalazione di degrado da parte degli organi di vigilanza, può emanare l’ordinanza, richiedendo anche contestualmente la nomina dell’amministratore giudiziario.

Quest’ultimo, a sua volta dovrà attivarsi con immediatezza per l’eliminazione della situazione di degrado, ponendo i relativi oneri a carico della proprietà/dei proprietari dell’immobile, anche mediante provvedimenti giudiziali (decreto ingiuntivo, esecuzione immobiliare, ecc.).

Va rilevato che, a fronte dell’intervento dell’amministratore giudiziario, l’art. 5 sexies non indica con quali risorse si farà fronte alle spese in presenza di proprietari con risorse economiche insufficienti.

Né soccorre, a tal fine, il richiamo all’art. 1105, comma 4 cod. civ. che prevede il ricorso all’autorità giudiziaria qualora non sia possibile assumere decisioni per l’amministrazione dell’immobile, non vi sia la maggioranza per la deliberare, oppure la delibera non venga eseguita.


Privacy policy

Privacy Policy del sito www.paolincostruzioni.it

Gentile Visitatore, a seguito della consultazione di questo sito web possono essere trattati dati relativi a persone fisiche identificate o identificabili.

In riferimento a tale trattamento di dati si rendono, anche ai sensi dell'art. 13 del Regolamento generale europeo sulla protezione dei dati (Regolamento UE 2016/679), le seguenti informazioni, la cui validità non è estesa per eventuali altri siti web esterni consultati dall'utente tramite link presenti su questo sito.

Con la prosecuzione della navigazione, e con l’adesione alle proposte di servizio contenute nelle varie parti del sito (iscrizione alla nostra newsletter, compilazione di form per richiedere informazioni, ecc.), si danno per acquisite queste informazioni generali sul trattamento, nonché le eventuali specifiche informazioni legate a trattamenti per finalità diverse e specifiche, e l’utente esplicita il relativo consenso ai trattamenti. Si sottolinea che il consenso è valido unicamente se proviene da persona maggiorenne o da minore che abbia compiuto i 14 anni.

TITOLARE DEL TRATTAMENTO

PAOLIN SRL con sede in Bassano del Grappa (VI) Via Madonna di Fatima n. 10 (Italia), P.IVA 03655040248 tel. 0424/566754 fax 0424/569245 mail: info@paolincostruzioni.it.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet.

Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.

In questa categoria di dati rientrano, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer o degli altri strumenti utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente.

Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione.

Cookies

Il sito web “www.paolincostruzioni.it” dell’impresa PAOLIN SRL (il “Sito”) utilizza i cookies per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Gli utenti che accedono al Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer o periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookies” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’utente. Vi sono vari tipi di cookies, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Cookie tecnici

Il Sito utilizza cookies “tecnici”, quali i cookies di navigazione o sessione, quelli di funzionalità e quelli analitici, realizzati ed utilizzati dal gestore del Sito.

Specificatamente, vengono utilizzati cookies di navigazione o sessione, diretti a garantire la normale navigazione e fruizione del sito web, e quindi finalizzati a rendere funzionale ed ottimizzare la stessa navigazione all’interno del sito.

Cookies analitici

Sono presenti anche cookies analytics, utilizzati e realizzati esclusivamente dal solo gestore del Sito, per raccogliere informazioni, in forma aggregata ed anonima, sul numero degli utenti e su come gli utenti visitano il sito.

I dati acquisiti tramite Google analytics potranno essere utilizzati anche da Google, secondo i termini di servizio predisposti dallo stesso.

Cookies di parti terze

Cookies di analisi di servizi di terze parti (Google)

Questi cookies sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookies sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookies integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i softwares per generare le mappe e ulteriori softwares che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookies sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Link ad altri siti

Alcune pagine del Sito possono contenere link ad altri siti web che non sono gestiti dal gestore del Sito che non condivide i dati personali con tali siti.

Il gestore del Sito non è responsabile per il contenuto, la sicurezza o le misure di privacy impiegate da altri siti e declina espressamente tutte le responsabilità.

Dati forniti volontariamente dall'utente

L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi vengono inoltre riportate o visualizzate nelle sezioni del sito predisposte per particolari servizi a richiesta e sottoposte, se del caso, al consenso dell’interessato (ad esempio per l’iscrizione alla newsletter).

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO E FACOLTATIVITA' DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione e per i cookies tecnici, l'utente è libero di fornire i propri dati personali attraverso l’utilizzo di appositi form o moduli presenti nel sito per richiedere l'invio della newsletter, di materiale informativo o di altre comunicazioni e, più in generale, per le finalità riportate nelle relative e specifiche informative. Il loro mancato conferimento può comportare l'impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA' DEL TRATTAMENTO

La nostra Società, quale titolare del trattamento, e ciascuno degli eventuali Responsabili esterni come sopra identificati, gestirà ed archivierà con strumenti automatizzati e/o cartacei i dati personali raccolti attraverso l’utilizzo del sito e delle sue diverse funzionalità attivabili a richiesta dell’utente, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti o volontariamente comunicati dall’utente.

Specifiche misure di sicurezza, come prevede l’art. 32 del Regolamento (UE) 2016/679, sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

I dati vengono gestiti solo da personale autorizzato dal titolare del trattamento.

In nessun caso i dati saranno oggetto di diffusione.

Sui predetti dati non è prevista attività di profilazione personale dell’utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Ai soggetti cui si riferiscono i dati personali trattati sono garantiti tutti i diritti di cui agli articoli 15, 16, 17, 18 del Regolamento 679 (accesso con conferma dell'esistenza o meno del trattamento dei propri dati; rettifica, cancellazione e limitazione del trattamento quando ne ricorrano i casi).

L’utente interessato ha il diritto di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

Le richieste vanno rivolte:

- via e-mail, all'indirizzo: info@paolincostruzioni.it

- oppure via posta a PAOLIN SRL – Via Madonna di Fatima n. 10 – 36061 Bassano del Grappa (VI).